Alla scoperta del Lido di Venezia: punta nord (prima parte)

Buongiorno carissimi!
Volevo iniziare questa serie di articoli che verteranno sui luoghi principali e meno conosciuti del Lido di Venezia e la prima parte la dedicherà alla punta nord. Come vi ho già anticipato nel precedente articolo, il Lido è molto famoso per ospitare durante questo periodo dell’anno, fine agosto inizio settembre, la Mostra del Cinema, per cui se in questi giorni vi trovate qui vi inviterei a scoprire altri luoghi altrettanto curiosi e di importanza storica.

Come raggiungere il Lido di Venezia? Poiché è il capolinea di alcune linee di navigazione, non sarà difficile arrivare.

Ok, una volta arrivato come mi sposto? Il Lido è servito da mezzi pubblici, per cui appena scesi potreste prendere un autobus, oppure se volete girare in completa autonomia potrete noleggiare scooter, bici e bici elettrica da Venice Scooter Rental, in Via Negroponte 14.

Lido di Venezia Veduta dalla laguna verso il Ponte di San Nicolò e la Chiesa di San Nicolò
Veduta dalla laguna verso il Ponte di San Nicolò e la Chiesa di San Nicolò

Prima tappa Ex Luna Park, Planetario: in questo giardino pubblico aperto dal mattino al tramonto, si trova anche il Planetario. Nei primi anni 30 in questo spazio era stato costruito un Luna Park come attrazione per adulti e bambini. Lo stile degli edifici è eclettico con richiami razionalisti. All’ingresso erano presenti due biglietterie, edifici tutt’ora presenti e un teatro, ciò che rimane dell’ex Luna Park. Il vecchio teatro è stato restaurato nel 2003 ed è attualmente la sede del Planetario Civico “Aldo Abate”, gestito dall’Associazione Astrofili Veneziani e facente parte del circuito Musei Civici Veneziani. Nel periodo da ottobre a maggio, ogni domenica vengono effettuate alle ore 16, conferenze e rappresentazioni riguardanti l’astronomia con ingresso gratuito.

Lido di Venezia Planetario
Planetario

Seconda tappa Aeroporto Nicelliebbene si, anche il Lido di Venezia ha un piccolo aeroporto. Il primo volo di linea in Italia fu effettuato qui nel 1926. L’aeroporto attuale, invece, è stato inaugurato nel 1935 e dedicato a Giovanni Nicelli, asso del volo della Prima Guerra Mondiale. L’edificio è stato progettato dal Colonello Ingengere Felice Santabarbara e dall’architetto Mario Emmer in stile razionalista. Quest’opera presenta elementi dell’architettura essenziale di Le Corbusier come le finestre a nastro, la pianta libera, la facciata libera e il tetto piano. Attualmente l’aeroporto ospita la scuola di volo “VolaVenezia”, voli privati e sportivi. Viene utilizzata anche come location per feste, concerti ed eventi vari. Gli interni sono originali dell’epoca e perfettamente conservati.

Lido di Venezia Aeroporto Nicelli

Terza Tappa Chiesa di San Nicolò: proseguendo la strada verso la punta nord troverete alla vostra destra la Chiesa di San Nicolò e il suo convento. Da un nucleo originario risalente al 1053 la Chiesa è stata rimaneggiata nei secoli per poi essere rasa al suolo nel 1628 e ricostruita nello stato attuale nel 1640. La facciata non è stata completata e come unico elemento caratterizzante è rimasta l’urna marmorea del Doge Domenico Contarini. Il suo interno è costituito da un’unica navata e sei cappelle laterali. L’altare è stato disegnato dall’architetto Cosimo Fanzago che custodisce le spoglie dei tre santi:  san Nicolò il Grande, san Nicolò Zio e san Teodoro.

Lido di Venezia facciata della chiesa di San Nicolò
Vista verso la facciata della chiesa di San Nicolò

Quarta tappa Cimitero Ebraico: lasciandoci la chiesa di San Nicolò alle spalle e percorrendo l’antico Ponte di San Nicolò troviamo alla nostra sinistra l’Antico cimitero ebraico. Fondato nel 1389 era il cimitero della comunità ebraica veneziana, uno dei primi cimiteri ebraici in Europa. Questo sito non è sempre visitabile ma attraverso il cancello in ferro battuto si possono intravedere alcune lapidi. Si può notare che, come tutti i cimiteri ebraici, non c’è l’usanza di portare fiori e anzi il giardino viene lasciato appositamente selvaggio, anche se viene fatta periodicamente manutenzione. I visitatori lasciano come segno del proprio passaggio una pietra. Ogni anno sono organizzate, soprattutto nel mese di settembre visite guidate da parte di Aldo Izzo, esponente della comunità ebraica veneziana.

Lido di Venezia Entrata del Nuovo Cimitero Ebraico
Entrata del Nuovo Cimitero Ebraico

Bene e anche per oggi dal Lido di Venezia è tutto! Spero vi sia piaciuto questo giro della punta nord e che vi abbia incuriosito. Non dimenticate di lasciare un commento per sapere se vi è piaciuto.

Basi!

This post is also available in: itItaliano

1 pensiero su “Alla scoperta del Lido di Venezia: punta nord (prima parte)

Rispondi